Riforma Pensioni, Il Governo convoca i sindacati per il 24 maggio

20 Mag, 2016, 01:33 | Autore: Savino Padus
  • Poletti a Ballarò di ieri 17 maggio su pensioni e flessibilità in uscita

Poletti: con flessibilità taglio non uguale per tutti Poletti ha dunque assicurato che il governo ha scartato l'ipotesi "di un taglio lineare" per consentire ai lavoratori di andare in pensione anticipatamente. Intanto oggi sono arrivate notizie contrastanti dal mercato del lavoro: si è registrato un brusco calo a marzo delle richieste di indennità di disoccupazione (-27,3% tendenziale) mentre si conferma il boom dei voucher utilizzati soprattutto nel settore del commercio e del turismo piuttosto che nella cura.

"È necessario, inoltre, rivalutare le pensioni in essere che non garantiscono in molte situazioni una condizione dignitosa a milioni di pensionat", aggiunge. L'esponente dem, soddisfatto del risultato ottenuto in appena due settimane dal lancio dell'iniziativa, ha deciso di continuare la raccolta delle firme, fino a raggiungere quota 30.000.

Il confronto tra governo e sindacati sulla riforma pensioni 2016-2017 s'ha da fare e si farà: l'incontro è previsto infatti per il prossimo martedì 24 maggio e si parlerà della tanto discussa e attesa riforma del sistema previdenziale, seppur con qualche limitazione che potrebbe non piacere ai sindacati e alle parti sociali coinvolte, le quali tra l'altro non si tireranno indietro e proseguiranno la loro protesta in occasione della manifestazione nazionale che si terrà domani 19 maggio a Roma. Oltre ai segretari generali dei sindacati dei pensionati è prevista la partecipazione di Susanna Camusso, leader della Cgil.

"Vogliamo difendere le nostre pensioni". Il nodo essenziale resta però quello di riuscire ad ottenere la modifica della legge Fornero per facilitare la flessibilità in uscita per le pensioni e permettere l'entrata dei giovani nel mondo del lavoro. Ragioneremo su questa piattaforma insieme con i temi del lavoro e dell'occupazione. "Ascolteremo le loro posizioni e poi vedremo cosa è possibile fare concretamente. ll confronto si farà la sede per le decisioni sarà la Legge di Stabilità". O le istanze di chi vorrebbe poter usufruire di Opzione donna, dato che il regime sperimentale è "bloccato" da requisiti anagrafici. Le appartenenti ai comitati creatisi in rete per ottenere le proroga della misura al 2018 saranno a Roma a manifestare assieme ai sindacati.

Raccomandato: