Mattarella: Università sono il fulcro della società

30 Novembre, 2016, 19:13 | Autore: Serafina Zamana
  • Mattarella: «Io arbitro, con persuasione e suggerimenti»

"L'Università è il fulcro della società che è un insieme di meccanismi non isolati, ma parte di un'armonica collaborazione".

Dopo la serata da brividi al teatro Donizetti, con il concerto del maestro Riccardo Muti, continua la visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Bergamo: il capo dello Stato, atterrato nel tardo pomeriggio di martedì 29 novembre all'aeroporto di Orio al Serio, nella mattinata di mercoledì 30 incontrerà gli studenti dell'Università degli Studi di Bergamo.

"C'è un'affermazione frequente: il Presidente della Repubblica sarebbe come un arbitro". A chiarirlo è lo stesso capo dello Stato, Sergio Mattarella, che rispondendo alle domande di alcuni studenti delle scuole medie ricevute al Quirinale, spiega a pochi giorni dal referendum costituzionale: "Questo è un po' il mio compito, che avviene spesso con due attività: esortazione e suggerimenti, cioè attraverso la persuasione", spiega Mattarella, aggiungendo che si tratta di un'attività fatta in silenzio, senza proclami, pur essendo decisiva: "Questa attività di esortazione e di suggerimenti non si vede ma è la più importante attività del Capo dello Stato". Io contribuisco in maniera molto limitata, verificando che non siano contrastanti con la Costituzione. Non dipende da me, dai miei compiti, la gran parte delle decisioni che riguardano la nostra vita, le regole della nostra società, che sono le leggi. D'Annunzio" di Lanciano (Chieti); "V. Gemito" di Anacapri (Napoli); "G. Decise da Parlamento e Governo. "Il mio lavoro è quello di seguire tutto il processo perché il 'sistema Italia' si svolga in maniera sempre migliore - ha spiegato - in maniera funzionale, efficiente, perché la vita del nostro Paese scorra in maniera ordinata e sempre migliore". Il nostro Paese ha una quantità di fonti d'informazione, in un panorama arricchito anche da quelle più moderne: però le testate cosiddette locali sono espressione indispensabile del nostro tessuto sociale nazionale. "Carducci" di Bagheria (Palermo); "C. Scianna" di Bagheria (Palermo); Giovanni Paolo II di Capo d'Orlando (Messina); "De Amicis" di Bolani (Reggio Calabria) e "L. Murialdo" di Foggia.

Domanda: Lei ha un sogno che non è ancora riuscito a realizzare? Poi parlando del ruolo dell'università ha aggiunto che "solo scegliendo di investire in cultura potremo aspettarci di migliorare tutti noi e sconfiggere l'oscurità e l'oscurantismo che oggi sono più di semplici metafore". "E nel nostro Paese molti fanno il loro lavoro con serietà".

Raccomandato: