Arrestato un uomo per l'attacco al bus del Borussia Dortmund

19 Aprile, 2017, 11:16 | Autore: Democrito Badesso
  • Germania

L'agente, che stava scortando in moto l'autobus, ha subito un trauma acustico e uno shock e non è in grado in questo momento di prestare servizio, ha reso noto la polizia di Dortmund in un comunicato. Intanto, ieri, è stato effettuato il primo arresto.

Una persona é stata individuata e arrestata, la pista é quella del terrorismo islamico. La procura federale ha precisato però che ad oggi non c'è alcuna prova che quello stesso uomo, identificato come Abdul Beset A., abbia preso parte all'attacco di Dortmund. Al momento della detonazione viaggiava davanti il bus. Gli inquirenti tedeschi affermano che dietro l'attacco ci sarebbe una "motivazione terroristica" ma, come sottolineato dalla procura federale tedesca, "il motivo esatto resta incerto". Proseguono le analisi per chiarire il tipo di innesco e di esplosivo utilizzati.

La capacità esplosiva degli ordigni era di oltre 100 metri, dunque non proprio di poco conto. Secondo i giornali Koelner Stadt-Anzeiger ed Express, i due avrebbero legami con lo Stato islamico.

L'uomo arrestato è un 25enne iracheno di Wuppertal. Il patron del Borussia Dortmund, Hans-Joachim Watzke, ha dichiarato ieri che la squadra era sotto choc.

"Nel nome di Allah clemente e misericordioso dodici pagani sono rimasti uccisi in Germania dal nostro benedetto fratello", esordisce il testo facendo riferimento alla strage al mercatino di Natale a Berlino. I due sospettati sarebbero un tedesco e un iracheno. Gli ordigni sono scoppiati a circa 10 chilometri di distanza dallo stadio, nei pressi dell'albergo dove era in ritiro in club tedesco. "Potrebbe trattarsi di estremisti di destra, di tifosi violenti o di islamisti" ha detto, precisando che la lettera che fa riferimento all'Isis "potrebbe essere un tentativo di depistaggio". Il rischio di un attentato terroristico non è una novità, è qualcosa per cui siamo preparati da tempo ma non voglio dire che sia questo il caso. Anche se i governi possono essere citati, raramente sono gli interlocutori e i reali destinatari delle rivendicazioni dei jihadisti. "La lettera si assume la responsabilità dei fatti", ha spiegato il magistrato Sandra Lücke ma bisogna verificarne "l'autenticità".

E' stato trovato un biglietto di rivendicazione per l'attacco.

Nella notte l'intervento a cui è stato sottoposto nella notte Marc Bartra, il difensore spagnolo del Borussia rimasto ferito nell'attentato.