Di Maio: "Basta aperture festive di negozi e supermercati"

19 Aprile, 2017, 20:58 | Autore: Savino Padus
  • 20170417_172218_B7077B2C

"Inutile per il Codacons la polemica sollevata da Luigi Di Maio sulle aperture domenicali dei negozi" viene segnalato in una nota dell'associazione dei consumatori.

Di Maio ha anche chiesto che venga approvata la legge dei 5 Stelle riguardo ai nuovi orari per i negozi e per i megastore, per dare un freno alla liberalizzazione a livello lavorativo. Secondo Di Maio, l'operazione liberalizzazioni non ha dato i risultati sperati: "L'effetto sugli incassi è stato praticamente nullo, si sono spalmati gli stessi introiti su 7 giorni".

Il vicepresidente della Camera e leader del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, in un video facebook annuncia la presentazione di due esposti alle procure di Roma e Napoli sul caso del salvataggio dell'Unità. Si tratterebbe di soldi che andrebbero agli esercizi commerciali con una superfice inferiore ai 150 metri quadri, che doventerebbero 250 metri quadri nelle città con oltre 10 mila abitanti. Le liberalizzazioni sfrenate hanno fallito, dovevano essere il volano dell'economia, ci stanno rendendo addirittura più poveri: i livelli di povertà relativa aumentano tra coloro che lavorano (sembra un paradosso) e tra questi ci sono tanti dipendenti dei centri commerciali e degli esercizi commerciali.

"Non è solo una questione economica, ma di serenità familiare e di felicità personale", scrive su FB. "Una Legge promossa - spiega il vice presidente della Camera - addirittura dalla Conferenza Episcopale Italiana e che istituisce giorni obbligatori di chiusura a settimana, riavvicinandosi a quello che accadeva prima".

Secondo Di Maio "il Partito Democratico la tiene bloccata al Senato e non ci permette di approvarla definitivamente". Il grillino ha concluso facendo un appello al Parlamento perché consideri i cittadini e non il mercato: "Al dibattito sul tema degli orari di apertura e chiusura, va anche affiancato il tema dell'e-commerce". Di Maio invita il Senato ad approvare quanto prima il ddl Dell'Orco. "È inutile finger di non vedere, presto la vendita online renderà questi megacentri commerciali sempre più inutili, e i loro dipendenti indirizzati verso altre mansioni, tra cui la consegna a domicilio". "Ma la qualità della loro vita è ulteriormente precipitata".

Sciopero flop all'outlet di Serravalle Scrivia Intanto lo sciopero non ha fermato lo shopping di Pasqua all'Outlet di Serravalle Scrivia, in provincia di Alessandria. Il più grande outlet d'Europa ha continuato a calamitare clienti, dall'Italia e dall'estero.

Raccomandato: