Alfa Romeo alla Mille Miglia: dal Museo di Arese alla competizione

19 Mag, 2017, 07:53 | Autore: Piera Sabidussi
  • L'Alfa Romeo 6c Zagato del museo storico dell'Esercito al via della Mille Miglia

Vetture che racchiudono tutti gli elementi che hanno contribuito a generare la leggenda dell'Alfa Romeo, quello stesso carattere che si ritrova nei modelli che parteciperanno alla corsa; la 6C 1750 Gran Sport del 1930, la 6C 2300 Mille Miglia del 1938 e la 1900 Super Sprint del 1956. Un'edizione da record per quanto riguarda le vetture partecipanti, infatti saranno 450 i "gioielli" componenti lo straordinario Museo viaggiante che prenderanno il via oggi giovedì 18 da viale Venezia a Brescia, per fare ritorno nella "Leonessa" d' Italia domenica 21.

Alcune sono strettamente legate al mondo dei motori: dagli uomini Mercedes Toto Wolff e Aldo Costa - che gareggiano insieme - ad Adrian Sutil, da Jochen Mass a John Watson fino a Bernd Maylander, il pilota della Safety Car in Formula 1. I due rampolli della famiglia Marzotto, Alessandro e Sebastiano, un nome che rievoca l'impresa del loro congiunto Giannino vincitore della MM nel 1950 e '53.

E guai a pensare che queste vetture, tutte rigorosamente immatricolate fino al '57 e non oltre, non appassionino ancora non solo gli amatori ma anche milioni di persone comuni che le vedono sfilare sotto le proprie finestre e possono coglierne da vicino le finiture, la classe, l'eleganza, lo stile e anche la discreta velocità, considerando che furono realizzate con tecnologie che oggi ci farebbero ridere.

Tra i vip al via: Joe Bastianich, che ha detto di voler puntare alla vittoria, la giornalista Sky Diletta Leotta, Cristina Chiabotto, Miss Italia 2004, Anna Kanakis, miss Italia del 1977, che correrà con il marito Marco Merati Foscarini e Albert Carreras, figlio del tenore spagnolo Josè Carreras. Rispondono alle italiane Jaguar, Aston Martin, Bentley, massiccia la presenza Mercedes, Porsche e Bugatti. Dalla secolare Urbino alla "romanica" Gola del Furlo, lasciando poi il territorio pesarese, a favore di Gubbio per poi scendere a Roma per l'arrivo della seconda tappa.

Si tratta della 35esima edizione rievocativa della MilleMiglia, che coincide con il 90esimo compleanno della gara.

La conferma della scuderia Santa Margherita alla Mille Miglia intende riaffermare il ruolo che questa corsa ha avuto nel diffondere un'immagine nuova e vincente del nostro Paese, proprio come la Cantina avviata nel 1935 dal conte Gaetano Marzotto.

L'appuntamento - lo ricordiamo - per un reportage in "diretta" è sulla nostra testata. Ma assieme alle storiche ci sono anche le attuali Giulia e Stelvio.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Raccomandato: